fb gg

API E VESPE, Come distinguerle

Vespa-VsCi capita spesso, specie in primavera, di essere interpellati per disinfestare nidi di "api".

Altrettanto spesso accade che la persona che ci chiama non riesca a dirci con certezza se si tratti di api o vespe.

Ci teniamo a sottolineare fin da subito che le api sono insetti fondamentali per la vita sulla terra e che non possono assolutamente essere uccise o disinfestate.

E' ormai opinione pacifica fra gli scienziati che se le api dovessero estinguersi, anche la presenza dell'uomo su questo pianeta avrebbe vita breve.

In caso di presenza di api,  consigliamo di rivolgersi a un apicoltore, che saprà sicuramente intervenire per rimuovere in sicurezza il nido e portarsi via gli insetti.

Gli insetti contro i quali possiamo intervenire sono vespe e calabroni.

  • Ma quindi come distinguere facilmente le api dalle vespe?
  • Ecco qualche consiglio utile per identificare i due insetti.

In realtà, a prima vista essi sono molto simili, non solo per l'aspetto e le colorazioni, ma anche per il fatto di essere insetti "sociali", cioè organizzati in società con regole diverse, ma rigide e complesse.

Morfologia
Le vespe e i calabroni appartengonoi alla famiglia dei Vespidi, che a sua volta si distingue in diverse sottofamiglie; le api appartengono agli Apidi, di cui la più diffusa e allevata è l'Apis Mellifera.

Le vespe hanno il corpo liscio (senza peluria), a strisce nere e giallo acceso.

Le api presentano un aspetto più affusolato, con corpo peloso a strisce nere e giallo cupo, quasi marrone-ocra.

Comportamento
E' il comportamento ad offrire la possibilità di distinguerle meglio:

  • le vespe sono onnivore e non disdegnano la carne (arrivano a frotte durante i barbecue, se c'è un nido nelle vicinanze!), essendo dotate di mandibole e potendo masticare. Esse attaccano anche altri insetti per nutrire le larve.
  • Le api hanno un apparato boccale succhiatore e pertanto possono nutrirsi  solo di sostanze dolci liquide come il nettare e il polline dei fiori. Attaccano solo se si sentono minacciate.

Il pungiglione
Le vespe hanno un pungiglione liscio, per cui possono pungere ripetutamente il malcapitato che gli capita a tiro, senza perdere lo stiletto.
Le api hanno un pungiglione a uncino , che una volta infisso nella vittima non può più essere sfilato.
Di conseguenza, l'ape dopo aver punto perde il pungiglione e muore.
E' sempre necessario rimuovere il pungiglione se siete stati punti perchè esso continua a rilasciare il veleno, aumentando la reazione allergica.

I nidi.
Anche la forma dei nidi costituisce una differenza fra le due famiglie.
Il nido delle vespe è quasi sferico, con l'entrata di solito posta in basso.
Il nido delle api ha invece forma di calice rovesciato e può ospitare fino a diverse centinaia di individui. Normalmente, è appeso a un supporto (cornicione o tetto di un edificio).