fb gg

Derattizzazione

La presenza dei roditori nelle nostre città, case ed ambienti di lavoro è un problema sempre più diffuso. 

I topi vengono attratti o da odori nuovi o da potenziali ripari in cui annidarsi al sicuro.

La loro voracità li spinge a nutrirsi di una vasta gamma di alimenti.

Spesso rosicchiano anche mobili di legno, materie plastiche e persino condutture elettriche, causando ingenti danni.

Inoltre, essi hanno un meccanismo riproduttivo esponenziale, per cui nel giro di pochi mesi possono moltiplicarsi a dismisura.

E per finire, sono portatori di malattie ed infezioni.


Affinché la DERATTIZZAZIONE sia efficace, essa deve essere:

  • SISTEMATICA, cioè effettuata con regolarità e costanza;

  • INTEGRATA, ossia realizzata facendo interagire diversi sistemi e metodologie;

  • PREVENTIVA, non aspettando che l’infestazione si concretizzi, ma evitandone lo sviluppo.

preventivi

Cerca

I Roditori

Ratto Nero

Rattus rattus o topo nero è di media taglia. Abile arrampi-catore, si rintana nei solai, sugli al-beri o negli scantinati. Il corpo è squadrato e robusto, con zampe posteriori più lunghe e forti rispetto a quelle anteriori: la parte inferiore dei pollici anteriori presenta anelli a forma di scaglie, mentre gli alluci delle zampe anteriori sono ridotti a semplici tubercoli.

Pantegana

Rattus norvegicus (o pantegana, o ratto delle fogne) è di stazza medio-grande. Molto pericoloso per la carica batterica che porta con sé. Il pelo è corto ed ispido ed ha un colore che va dal grigiastro al bruno, con brizzolature nere o bianche sul dorso: verso il ventre, il colore tende a divenire man mano più chiaro, fino a sfumare addirittura nel bianco sul basso ventre.

Topo da appartamento

Il Rattus rattus o Ratto nero è un roditore dal corpo snello ed affusolato con una lunga coda sottile. È un abilissimo scalatore e perciò infesta prevalentemente le parti alte degli edifici come sottotetti, terrazze e soffitte.

Le Strategie

» Tradizionale

Fa ricorso ad esche avvelenate, ad alta attrattività e lento rilascio, che provocano la morte indolore dell’animale nel giro di 24-36 ore. Il sistema è economico e di buona efficacia, ma presenta alcuni aspetti da sottoporre ad attenta valutazione, tra cui la sicurezza dei soggetti “no-target” (bambini, volatili, animali domestici). Esiste a tal proposito una Ordinanza emanata dal Ministero della Salute in data 18/12/2008 che impone l'utilizzo di appositi erogatori onde evitare la diffusione incontrollata di esche avvelenate nell'ambiente. La stessa ordinanza prescrive che comunque tali operazioni sono riservate alle Ditte del settore.

» Ecologica

Utilizza moderne apparecchiature elettromeccaniche a cattura multipla, ad altissima efficacia e di totale sicurezza perché non si disperdono veleni nell’ambiente ma utilizzano comuni esche alimentari. Tale sistema permette catture continue e la loro conta numerica. Gli animali subiscono una morte indolore e non producono odori molesti.

» Trappolaggio

Vengono impiegate trappole elettriche, mecca- niche o collate, per una cattura rapida e sicura.